Ti racconto la mia scuola

poesie

 

home

 

Progetto

 

 

Primo giorno di scuola


Questa mattina sono contento,
il babbo mi parla ma non lo sento,
la mamma mi dice che resterÓ sola,
non posso farci niente,
devo andare a scuola.

Non vedo l'ora di arrivare,
sono giÓ grande, devo imparare,
con il grembiule e lo zainetto
cammino alla mamma stretto stretto.

Ho tante cose da raccontare,
qualcuno mi starÓ ad ascoltare?
Quanti bambini, non sono da solo,
ma ad un tratto spiccherei un volo.

Che mi succede? Sogno o son desto?
portami a casa mamma, fai presto!
Ma poi qualcuno mi fa una carezza,
mi chiede il nome, ma con tenerezza,

tutti i bambini le stanno intorno
e insieme facciamo un girotondo.
Poi la sera nel mio lettino
penso al compagno che mi Ŕ stato vicino,

alla maestra, alle sue mani......
....non vedo l'ora che venga domani!!

( Giovanna Corsi)

 
     
     
     
     
     
   
     

 

 

 

La mia bella scuola

La mia scuola Ŕ molto spaziosa,

diciamo pure molto graziosa.

Le finestre di colore arancione,

sono di vetro come il portone.

Ha un cortile lungo e largo

dove giochiamo quando fa caldo,

serve anche per imparare

perchŔ mille percorsi si possono fare.

Una palestra rettangolare

dove si pu˛ saltare e marciare.

La sala mensa Ŕ per pranzare,

solo che lý dentro non si pu˛ giocare.

La mia sezione ha la forma quadrata,

ci sono tavoli, sedie e due finestre a vetrata.

Sono contenta della mia scuoletta

perchŔ ci sto bene e mi sento protetta.

( Giovanna Corsi)