" Finalmente sono grande! "

Con fantasia...Giovanna Corsi

home

 

Progetti

 

     

 

Sono un bambino di tre anni e solo da pochi giorni frequento la Scuola dell'Infanzia.

Ormai sono grande, ho voglia di scoprire tante cose, voglio giocare con i miei amichetti, voglio imparare a "stare da solo"

Voglio crescere!

La mia mamma e il mio papà hanno già conosciuto le mie maestre, anzi, hanno risposto anche ad alcune loro  domande...

dove sono nato, dove abito, se ho frequentato l'Asilo Nido, chi si occupa di me quando sono al lavoro...

Tutto questo per conoscermi meglio, per potermi essere di aiuto nei momenti di difficoltà.

Anche a me ogni tanto rivolgono qualche domandina:

-Carletto, chi si occupa di te la mattina? Ti vesti da solo?

- A scuola vieni volentieri?

Mi sono accorto, che mentre gioco, le mie maestre mi osservano.

 Io lo so perchè....guardano se mi muovo bene, se salgo e scendo le scale con sicurezza, se corro in modo spontaneo, se gioco da solo o con un gruppo di amichetti, se so afferrare la palla...

L'altro giorno, mentre aspettavo la mia mamma, ho sentito che parlavano e che scrivevano tante cose sul foglio bianco...

- Alla fine dell'anno scolastico - dicevano - questo bambino dovrà conoscere:

 il nome delle varie parti del corpo

 deve avere acquisito una buona coordinazione oculo-manuale

deve saper individuare i colori primari ed alche altri

deve denominare alcune forme geometriche quali il cerchio, il quadrato e il triangolo

deve saper distinguere un oggetto piccolo da uno grande

discriminare gli odori e i sapori

riconoscere i rumori

distinguere i rumori forti da quelli deboli

indicare i particolari in un tutto

distinguere tra uno/tanti, poco/tanto

intuire dentro/fuori, sopra/sotto, davanti/dietro

raggruppare gli oggetti in base al colore e in base alla grandezza-

Intanto stanno bene attente a come pronuncio il mio nome, se parlo con i compagni, se rispondo bene e in maniera adeguata.

Spesso mi danno delle piccole consegne da eseguire come prendere il barattolo dei colori, le matite sul tavolo della maestra, distribuire i fogli ai compagni...

Io lo faccio volentieri perchè ne sono capace e qualche volta aiuto anche il mio amichetto di banco ad apparecchiare la tavola.

Le mie maestre mi vogliono autonomo, nel senso che devo imparare a fare tutte le cose da solo e senza l'aiuto di nessuno ed io ne sono felice, perchè sono grande ed è giusto che impari.

Questa mattina, ho già iniziato a fare " i compiti "

 
       
La scheda può essere presentata

in bianco e nero oppure colorata in parte

Io ho preferito presentarla colorata in parte

per dare subito al bambino l'immagine completa

della mela.

       

Ho colorato tutta la mela, di forma rotonda, con il pastello a cera rosso. Sono stato attento a non uscire dai margini ed ho colorato "compatto compatto"

La maestra, poi, mi ha fatto fare una magia:

Mi ha dato un pezzo di carta cucina e  con quella mi ha fatto strofinare forte forte sulla mela appena colorata. Magia!! La buccia è diventata lucida lucida, proprio come quella della mela vera. 

 Il mio lavoro è riuscito abbastanza bello, la maestra mi ha detto: - Bravo, Carletto, hai colorato bene, sei stato molto attento a non uscire dai margini-

Lo so già, lei non si accontenterà di questo compito per capire se ho interiorizzato il colore rosso. Saranno molte le cose che dovrò ancora fare per raggiungere tutti gli obiettivi.

Dovrò eseguire altri lavori e colorarli  con varie tecniche: collage, digito pittura, pennarelli, pennelli...dovrò imparare poesie, canzoncine e filastrocche...ascoltare racconti e fiabe.

Sarà così anche con il colore blu e con il colore giallo e con tutte le altre cose che incontrerò strada facendo.

( Giovanna Corsi)

Certamente, Carletto, non mi accontenterò solo di questo...lo hai capito benissimo.

Dopo aver colorato la mela tutta rossa...tutti insieme giocheremo a ricercare, in aula, tutti gli oggetti di colore rosso....

....ma come!...avete trovato sullo scaffaletto anche un cestino con delle mele rosse?...bravi!

Adesso sediamoci in cerchio e osserviamo, uno per volta, questa bella mela....

rossa proprio come quella che avete colorato voi...è anche lucida lucida...ed ha la buccia liscia liscia...ma è pure profumata?...Come sarà il sapore....dolce, salato o amaro?

Dolce??? Andiamo a verificare...Ora taglio la mela e ne dò un pezzettino a te...uno a te...uno a te...Ecco, ora potete assaggiare....

mmmmmmh!...com' è dolce e succosa!

Vediamo un pò chi mi sa dire qualcosa su questa mela...

...la mela della strega di Biancaneve?...

Ho capito...vi piacciono le favole...ma io oggi ho un raccontino nuovo nuovo...una storia vera...

la storia della mela " Marietta "

 

 

...e sarà così per tutti gli altri colori...il progetto sarà completato in itinere...

Alla fine, in occasione della festa di fine anno, si potrà preparare un bellissimo "Gioco dell'Oca dei colori"

vai al gioco