di Giovanna Corsi

 

home

 

Filastrocche

 

 

Il ritorno della Primavera

Esco in giardino
a giocare a palla
ma cosa vedo?
una farfalla tutta gialla.
Le fa compagnia,
sopra una pianticella,
una rossa coccinella.
Pi in l vedo un'ape
tutta gialla e nera,
ci penso un po'......
....ma primavera!
La rondine dov'?
Eccola l,
vola nel cielo azzurro
contenta d'essere qua!

(Giovanna Corsi)

La rondinella

E' San Benedetto,

 una rondine si posa sotto il tetto.

All'improvviso, poi, un gran garrire...

il suo nido non c'...dove andato a finire?

Lo aveva lasciato l, quando andata via,

perch non trova pi la casa sua?

Lei molto stanca, per il lungo viaggio,

voleva riposarsi ma solo un miraggio.

Ora vola e vola tutt'intorno,

alla ricerca, per il nuovo nido, un posto.

Lo ha trovato, proprio sotto un campanile,

e gi la sua casetta si accinge a costruire.

Poi, all'improvviso, svanisce  la stanchezza,

entra nel nido e ne sente la freschezza.

Al ramoscello di pesco, staccato da poco,

rimasto attaccato il suo bocciolo.

Ora la casetta, cos bella e profumata

pare dica alla rondine:"Bentornata!"

(Giovanna Corsi)

 

La lumaca Clementina

La lumaca Clementina

si porta dietro la casina

sia ai monti che al mare

e dove ha voglia di arrivare.

Ogni volta che ..."in fuga"

cerca sempre una lattuga

per mangiare, se le va,

e per il fresco che le fa.

Dove arriva pu dormire,

pu mangiare, pu uscire

e se vuole osservare il mondo,

basta che si gira intorno.

Non ha timore, la chiocciolina,

perch con s ha la casina

che ben chiusa se le va

quando a nanna vuole andar.

(Giovanna Corsi)

 

 

E' Primavera

Il mondo stamattina,
mi sembra tutto nuovo.
Cosa succede?
c' qualche novit?

"S", dice la maestra,
"oggi primavera,
la stagione fredda se ne va"

Guardo meglio fuori e cosa vedo?
Una rondine volare qua e l,
una primula, una violetta, una farfalla,
una lucertola che al sole se ne sta.

Ho voglia di uscire
e correre sul prato,
tanta la mia felicit;

faccio mille capriole,
mi rotolo beato,
guardo il cielo azzurro lass,
alzo le braccia e dico:
"Grazie Ges"!

(Giovanna Corsi)